Intervista a Lucy Monteiro

Lucy Monteiro

“La vita è dura ed è bene accettarla fin da subito. La povertà non è una vergogna, l’importante è conservare la dignità.”

Nonna Olimpia

Lucialina Lopes Monteiro nasce a Capo Verde, nella città di Mindelo, il 4 ottobre del 1966. Il padre è originario dell’isola di Santo Vicente e la madre dell’isola di Sao Antao. I genitori si sperano presto, è ancora una bambina quando si trasferisce insieme a suo fratello maggiore dalla nonna materna, Olimpia. Fino all’età di due anni vive con la madre e la nonna paterna a Mindelo.

Per lei la sua infanzia fu molto bella e serena, ha dei bei ricordi di sua nonna materna, delle sue zie e dei suoi cugini. Seppure non abitassero tutti insieme nella stessa casa, erano tutti molti uniti e felici. Ringrazia ogni giorno di essere cresciuta in quella casa di “Fund de Lombo Branco” a Porto Novo.

Cresce in un ambiente cattolico molto rigido; già all’età di quindici anni prendeva il traghetto da sola per andare a trovare la nonna paterna Paula e fare delle commissioni a Sao Vicente. E così passa la sua infanzia e adolescenza viaggiando tra le due isole.

Il rapporto con la nonna materna è stato molto importante per la sua crescita personale e professionale. Nonostante l’isola di Santo Antao, a quei tempi, non disponesse di un liceo, la sua voglia di studiare era tanta. Finito gli elementari aspetta due anni per ricominciare gli studi e la sua caparbietà le porterà a frequentare anche il liceo, malgrado le tante difficoltà che vi si presentarono in quel periodo.

Arriva a Genova nel dicembre del 1983, all’età di 17 anni, con una sua cugina per ricongiungere la madre.

Con determinazione e con l’aiuto della madre si iscrive alla scuola per gli infermieri all’Ospedale Galliera, si diploma e diventa infermiera professionale. Oggi lavora all’Ospedale Galliera, con l’epidemia di covid-19 per lei ogni giorno è una benedizione.

Sandy: “Ciao Lucy! Benvenuta a “Tè con Sandy e Mea”. Nella tua presentazione abbiamo già detto che sei arrivata in Italia nel 1983 per ricongiungere tua madre. Com’è stato il tuo arrivo in una nuova realtà?”

Lucy: “Non è stato facile. Sono arrivata con mia cugina, che per me è come una sorella, per ricongiungerci alle nostre madri. Ho iniziato subito a studiare, Istituto Vittorio Emanuele II, ragioneria. Facevo la scuola serale perché di giorno lavoravo, pulivo uffici ecc. Poi decisi nel 1989 di fare la scuola per gli infermieri all’Ospedale Galliera, grazie all’aiuto di madre, e nel 1992 sono diventata infermiera professionale”.

Sandy: “Hai trovato subito lavoro? Hai avuto dei problemi nell’inserimento nel mondo lavorativo a Genova?”

Lucy: “Sì, ho trovato subito lavoro all’Ospedale Galliera e tuttora lavoro lì e mi trovo bene.”

Sandy: “Dalle tue parole il tuo lavoro ti piace e ti rende felice. È così?”

Lucy: “Sì! Ogni giorno per me è una gioia poter fare il mio lavoro”.

Sandy: “Invece cambiando un po’ tema, andando sulla sfera personale, figli? Sposata?”

Lucy: “Sono sposata e ho un figlio che è il centro del mio universo. Mi ritengo di essere una donna molto fortunata, di avere anche dei genitori fantastici e un fratello che adoro”.

Sandy: “Quindi tuo figlio è nato qui, cosa fa ora? Cosa ne pensa delle sue origini capoverdiane? Tuo marito è capoverdiano o italiano?”

Lucy: “Mio figlio è nato qui. L’abbiamo sempre portato a Capo Verde e ha fatto anche delle amicizie lì. A Capo Verde tutto è molto diverso, genuino e sincero. Infatti, a lui piace tutto di Capo Verde, dal cibo agli usi e i costumi. Riguardo alla comunità capoverdiana qui, frequenta poco. Sì, mio marito è capoverdiano, di Porto Novo. Siamo sempre stati persone riservate e preferiamo fare la nostra vita un po’ in disparte. Qui abbiamo grossi problemi di unione, di condivisione e a volte anche di rispetto. Perciò io e mio marito lo abbiamo tenuto un po’ al di fuori della comunità, sostenendo sempre le sue scelte e lasciandolo ragionare con la propria testa, in fine ha seguito i suoi sogni. L’anno scorso si è laureato in psicologia ed ora si prepara alla specializzazione”.

Sandy: “Un tuo pregio e un tuo difetto?”

Lucy: “Un mio pregio è essere molto generosa, aggiungo anche essere riservata. Vedi nella vita, purtroppo, quando si è troppo generosi con gli altri, a volte se ne approfittano. Ci sono rimasta male in tantissime occasioni, però sono fatta così e questo mi rende umana. Un difetto? Sono molto permalosa, ma sto lavorando su di esso”.

Sandy: “Mi piace osservare molto le persone, mi affascina l’essere umano nella sua bellezza e nella sua complessità. Mi ricordo quando ti vidi per la prima volta, quello che mi colpì di te è stato il tuo sguardo così lontano e così vicino, indiscreto e silenzioso. Dietro a quegli occhi profondi c’è una donna che avvolge qualche mistero lontano. E così?”

Lucy: “Mistero? No, assolutamente no. Di solito sono molto cristallina, mi piace abbracciare le persone … mi “apro” verso gli altri. Per me un abbraccio è come mangiare un pezzo di cioccolato, mi dà più calore che baciare le persone. Fin da bambina mi piaceva abbracciare le persone, sento qualcosa di diverso, sento il calore umano”.

Sandy: “Una frase o una citazione capoverdiana che non dimenticherai mai?”

Lucy: “Ci sono due frasi di mia nonna che costudisco nella mia mente e nel mio cuore: La vita è dura ed è bene accettarla fin da subito. La povertà non è una vergogna, l’importante è conservare la dignità”.

Sandy: “Un proverbio italiano e uno capoverdiano?”

Lucy: “Proverbio italiano: Paese che vai usanze che trovi. E un proverbio capoverdiano: Se ti viene dato un consiglio e lo disprezzi, otterrai la maledizione di Caino come compenso”.

Sandy: “Pensi che sia valsa la pena venire in Italia?”

Lucy: “Sicuramente sì. Per me è stato un forte cambiamento, sono cresciuta qui. Mi è servito a migliorare economicamente e culturalmente, Italia è diventata la mia seconda patria. Mi piace l’inno nazionale e la cucina italiana”.

Sandy: “Piatto capoverdiano preferito? Italiano?”

Lucy: “Non ho un piatto unico capoverdiano preferito. Mi piace la Catchupa, il pesce cucinato in vari modi, Canja, fagioli verdi ecc. La cucina italiana? Per me è la Queen of the world, è ricca e variegata. In assoluto mi piace Pasta con olio, aglio e peperoncino”.

Sandy: “Musica capoverdiana?”

Lucy: “Morna e Coladera sono i miei generi musicali preferiti. I miei cantanti sono: Cesária Évora, Ildo Lobo, Bana e Luís Morais.”

Sandy: “Riguardo alla comunità capoverdiana a Genova?”

Lucy: “Innanzitutto a Genova ci manca un Consolato di Capo Verde, siamo in tanti, abbiamo bisogno di qualcuno che ci aiuti. Immagino persone come mia madre, anziane, il quanto può essere difficile e stressante sbrigare qualche pratica o semplicemente richiedere il passaporto. Sono costretti ad andare a Roma (il viaggio è lontano e costoso) oppure spedire dei documenti, per loro è molto più complicato. Riguardo alla comunità capoverdiana deve essere più civile e più aggregata nel bene e nel male perché a Capo Verde non siamo così, siamo persone splendide e unite”.

Sandy: “Cosa ti piace di Genova?”

Lucy: “Di Genova mi piace il connubio tra mare e monti. Insomma la Regione Liguria è splendida”.

Sandy: “In questo connubio perfetto della città, secondo te c’è qualche difetto?”

Lucy: “Un difetto? Secondo me la diffidenza dei Genovesi, questo blocca la città e le persone”.

Sandy: “Cosa pensi del razzismo? Mai subito episodi di razzismo? Se sì, raccontaci un episodio”.

Lucy: “Essendo nata in una nazione multiculturale, non ho conosciuto il razzismo lì. Qui invece mi sono capitati episodi di razzismo, ma grazie a Dio sono andata sempre avanti e non mi sono persa in questo vortice negativo. Penso che il razzismo sia ignoranza pura, quando una persona si mette a discutere con persone ignoranti rischia di scendere ai loro livelli, è solo una grande perdita di tempo e di energia”.

Sandy: “Com’è stato lavorare in questi giorni di emergenza?”

Lucy: “Per ora preferisco non parlare, è tutta una situazione abbastanza stressante e delicata. Però sono disponibile, più avanti, per un’intervista per raccontare la mia esperienza e il mio lavoro in questi mesi dell’epidemia di Covid-19″.

Sandy: “Un consiglio al volo per tutti noi?”

Lucy: “Essere felice sempre e fare tesoro di ciò che abbiamo”.

Sandy: “Dove ti vedi fra dieci anni?”

Lucy: “In pensione a Capo Verde a godermi la mia vita in perfetto stile relax, come si dice giù: NO STRESS!”

Sandy: “Lucy ti ringrazio per l’intervista e ti auguro il meglio”.

Lucy: “Grazie a te”.

Intervista a Fatinha Lopes

Fatinha Lopes

Fatima Lopes, più conosciuta nella nostra comunità come Fatinha. Nasce a Capo Verde, nell’isola di Sal, il 23 agosto del 1968. Nel 1988 arriva a Roma per ricongiungere la madre e le due sorelle minori, nella speranza di trovare una vita migliore lascia i suoi cari e il suo paese. Per sette anni visse a Roma, dopo un viaggio a Genova s’innamora della città e si trasferisce.

Fatinha è una donna allegra, simpatica, di carattere aperto e di spirito libero. Ama condividere le sue emozioni e stare con gli altri. Non si annoia mai in sua compagnia, ed è sempre pronta per una nuova avventura. È madre di due figlie e nonna. Ogni giorno lotta, lavorando giorni e notti , sempre con il sorriso sulle labbra. Non ha mai smesso di sognare e la voglia di vivere è tanta.

Sandy “Ciao, Fatinha! Benvenuta a Tè con Sandy e Mea. Sei arrivata in Italia nel 1988, qual è stata la tua prima impressione?”

Fatinha: “Il mio arrivo è stato bello, forse perché ero presa dall’entusiasmo di rivedere mia madre e le mie sorelle, una città nuova, tutto mi è sembrato così meraviglioso. Dopo un mese, tragedia! Volevo tornare a Capo Verde, mi mancava tantissimo mia figlia (un dolore che non auguro a nessuna madre), mio padre, miei amici… insomma la mia vita di prima. Mi sembrava di vivere in una prigione”.

Sandy: “Dopo un po’ di tempo a Roma, ti sei trasferita a Genova. È stato un grosso cambiamento? Hai avuto difficoltà nell’inserirsi nella società genovese?”

Fatinha: “No, non ho avuto delle difficoltà. Avendo già una sorella e dei conoscenti il mio inserimento è stato facile. Poi Genova, forse, è una città apparentemente più accogliente e più tranquilla rispetto a Roma”.

Sandy: “Figli? Hai già detto in precedenza che avevi una figlia a Capo Verde, sei riuscita a farla venire qui?”

Fatinha: “Ne ho due figlie! Sì, prima di venire in Italia avevo già una figlia, purtroppo è rimasta a Sal. È stata la decisione più difficile della mia vita. Comunque, sono riuscita a farla venire dopo qualche anno”.

Sandy: “La seconda figlia è nata qui! Com’è il rapporto con la cultura capoverdiana?”

Fatinha: “Direi molto bene, ho sempre cercato di farla conoscere la mia cultura. L’ho portata anche a Capo Verde per conoscere le sue radici. E’ nata in Italia, figlia di padre italiano ma è anche capoverdiana, italo-capoverdiana”.

Sandy: “Un tuo pregio? Un tuo difetto?”

Fatinha: “Pregio non saprei, ma un difetto sì… un po’ permalosa”.

Sandy: “Una frase o una citazione capoverdiana che non dimenticherai mai?”

Fatinha: “Porca pari porquinhe”. (La scrofa partorì un lattonzolo)

(RISATE)

Sandy: “Questa citazione capoverdiana mi ha sempre fatto ridere moltissimo. Mi ricordo che si usava spesso, eppure non ha una connotazione vulgare, ma sì per “dimostrate” la realtà, cioè che è un dato di fatto. Giusto? Un proverbio capoverdiano che usi sempre?”

Fatinha: “Sì, confermo che è così. Un proverbio? Cred na mistere (Credo nel mistero)”.

(RISATE)

Sandy: “Se non fossi venuta in Italia, cosa pensi che avresti fatto a Capo Verde?”

Fatinha: “Sicuramente avrei trovato un lavoro in qualche albergo lì, come tanti altri miei amici. Alcuni hanno fatto carriera, altri no. Però vivono bene e sereni”.

Sandy: “Pensi che sia valsa la pena venire in Italia?”

Fatinha: “Sì. Ho avuto una figlia qui e nel frattempo poi è arrivata la mia figlia più grande. Ed ora ho un bellissimo nipote”.

Sandy: “Lavoro?”

Fatinha: “Per le donne immigrate, soprattutto ai miei tempi le possibilità di “crescere” nell’ambito lavorativo erano poche. L’unico lavoro disponibile per noi era quello di fare la colf. Non è stato facile adattarsi al ritmo di qui e nei primi anni uscivi solo due giorni alla settimana. Abitavi con le famiglie e la tua giornata fino alla cena era tutta dedicata a loro”.

Sandy: “Ora le cose vanno meglio? O sono peggiorate?”

Fatinha: “Vanno meglio, c’è una prospettiva diversa rispetto a venti anni fa. Però c’è poco lavoro per tutti”.

Sandy: “Il tuo lavoro ti ha resa felice?”

Fatinha: “Il mio lavoro non mi ha resa felice, ho dovuto solo adeguarmi per vivere”.

Sandy: “In che cosa credi?”

Fatinha: “Credo in tutto quello che mi fa stare bene”.

Sandy: “Piatto capoverdiano? Piatto italiano?”

Fatinha: “Sicuramente la Catchupa com pé de Porco (Catchupa com piede di maiale). Invece piatto italiano, la pasta in qualsiasi modo viene fatta, corta o lunga, con sugo o con pesto ecc.”.

Sandy: “Canzone capoverdiana preferita? Italiana?”

Fatinha: “Non ne una preferita sia capoverdiana e sia italiana. Se mi piace ok, sennò amen”.

Sandy: “Bene! Invece cosa ti piace della tua città?”

Fatinha: “Intendi Genova?”

Sandy: “Sì!”

Fatinha: “Sì, certo che mi piace! Non mi piace il carattere dei genovesi, sono molto chiusi”.

Sandy: “Cosa pensi del razzismo? Mai subito episodi di razzismo? Se sì, raccontaci un episodio”.

Fatinha: “Per me il razzismo non esiste, non so cosa sia. No!”

Sandy: “Quando dici “razzismo non esiste” cosa intendi? Secondo molti il razzismo esiste e che oggi lo vediamo e viviamo costantemente”.

Fatinha: “Perché per me non è razzismo, ma sì ignoranza”.

Sandy: “Cosa puoi “offrire” all’Italia come persona?”

Fatinha: “Posso offrire il mio rispetto per questo paese. Ormai sono trentun anni che vivi qui ed è diventata la mia casa”.

Sandy: “Come ti vedi fra dieci anni? Dove ti vedi tra dieci anni?”

Fatinha: “Forse avrò qualche capello bianco in più, ancora non ne ho (risate), chi lo sa? Spero di viaggiare”.

Sandy: “Grazie mille per la tua disponibilità”.

Fatinha: “Prego, alla prossima”.

Intervista a Nays Monteiro

Manuel Lopes Monteiro meglio conosciuto come Nays Monteiro è nato nell’isola di Sao Vicente l’11 aprile 1964. All’età di quattro anni, la madre partì per l’Italia e lui si trasferì da sua nonna a Porto Novo nell’ Isola di Santo Antao.

È cresciuto, quindi, con la nonna in un contesto particolare, ricco di cultura e tradizioni. Tutto questo suscitò in lui la voglia di scrivere poesie e testi musicali ispirandosi a vari cantanti e artisti capoverdiani e non solo, come “Bana”, “Voz de Cabo Verde”, “Cabo Verde Show”, “Kassav”, “Tubaroes”, “Bulimundo”, “Kings”, “Bob Marley”, “Gilberto Gil”, “Roberto Carlos” e tanti altri.

Come per la maggior parte dei bambini, aveva la passione per il calcio; anche se sentiva qualcosa dentro il suo cuore che lo spingeva sempre di più verso la strada della musica. Partecipò due volte al famoso concorso canoro delle isole: “Tud mundo canta/ Tutto il mondo canta”.

Nel 1986 raggiunse la madre in Italia, a Genova. Inizialmente non fu per lui un’esperienza facile: lasciare la sua isola e sua nonna è stato come se gli avessero portato via qualcosa.

Per “affrontare” e reagire a tutto ciò iniziò a scrivere piccoli brani dove parlava della sua terra natale, dell’amore e della costante nostalgia… “Saudade”.

Con il passare del tempo iniziò a conoscere nuova gente, nuove culture, soprattutto quella sudamericana e scoprì la band/ gruppo brasiliano “Nos Quatro” che a quei tempi aveva grande successo.

Nays cominciò ad animare varie serate nei locali di Genova e questo gli permise di conoscere altri generi musicali come: Samba, Bossa Nova, Lambada, Merengue, Salsa, etc.

Nello stesso periodo iniziò anche la sua carriera come DJ e come organizzatore di eventi musicali per le varie comunità straniere, inclusa quella capoverdiana.

La sua prima esperienza a livello di registrazione musicale fu nel 1992, quando insieme a Adao Ramos incisero sei canzoni del suo repertorio.

Più tardi incontrò i due artisti Carlos do Rosario e Manuel Gomes, e decisero di “giocare” con nuovi pezzi musicali. Insieme a loro incise il suo primo CD intitolato “Azul” nel 2002.

Hanno partecipato alla realizzazione del Cd anche Jorge do Rosario nella parte tecnica; Toy Avelino (chitarra), Roger Morreira (chorus/coro), Suzana Lubrano nella canzone “Antuninha Gorduchinha”. L’album per lui fu una grande soddisfazione e la canzone “Antuninha Gorduchinha” ottenne un grande successo a Capo Verde.

La musica per Nays è come l’acqua, senza di essa non potrebbe vivere, sente dentro di sé il bisogno di cantare e attraverso le sue canzoni ci racconta la storia di Capo Verde, i suoi sentimenti, i suoi ricordi d’infanzia, la sua esperienza vissuta e i suoi sogni.

Nel 2008 lanciò un nuovo CD intitolato “Ceu di nha Alma”, i testi sono tutti suoi, gli arrangiamenti sono di Jorge do Rosario e Franco Ramos, con la partecipazione di Jacqueline Fortes, Roger Moreira, Miss Carine Mota, Johnny Fonseca (chitarra), Kinkim Gomes e Skontje (cavaquinho). L’album è stato sponsorizzato da Epicerie Creole e Ricci-pro. Nel 2014 esce il suo CD dal titolo “Romantica inspiraçao” e nel 2018 “Reflexos di Paraiso”.

Sandy: “Ciao Nays! È sempre un piacere parlare con te, soprattutto condividere pensieri e informazioni. In questi anni abbiamo collaborato in vari progetti, soprattutto quelli legati all’Associazione Italo-Capoverdiana. Credo sia stata una bella esperienza e che ci abbia permesso di conoscersi un pò. Anche per te è stato così?”.

Nays: “E’ stata un’ottima esperienza e di grande condivisone. Penso che avrebbe potuto funzionare, purtroppo i nostri compaesani non hanno sposato la nostra causa e sinceramente poteva essere anche molto utile per noi tutti”.

Sandy: “Sei arrivato a Genova nel 1986. La tua prima impressione?”

Nays: “Uhm, era una città molto… come si può dire? Direi un mix tra Italia e America, che si è trasformato nel mito più esotico dopo l’arrivo di brasiliani e cubani. Negli anni 90 andavamo tutti in discoteca a ballare Lambada, Salsa, Merengue. Poi negli anni molto è cambiato e mi sono trovato in un mondo dentro una città”.

Sandy: “Quindi era già all’epoca una città multiculturale?! So che la comunità capoverdiana a Genova era costituita per lo più da donne. Come ti sei trovato?”

Nays: “Sì! La comunità capoverdiana contava con la presenza di soli cinque uomini su un numero più esteso di donne capoverdiane. Le capoverdiane erano tutte sposate o fidanzante, in più mi vedono minorenne e troppo magro. Comunque mi sono trovato bene”.

Sandy: “Non amo parlare d’Integrazione, preferisco usare la parola “Inclusione”. Trovo che l’inclusione sia un processo naturale e spontaneo. Quando mi parli di questa “mescolanza di culture”, mi viene da pensare che forse a quel tempo c’era più inclusione, secondo te cosa è cambiato allora in questi anni? L’influenza dei social network?”

Nays: “Sì, forse perché le persone erano più incuriosito dal “nuovo”; c’era più apertura e le persone volevano scoprire il nuovo mondo aldilà del libro che si leggeva. Quindi nel tempo è cambiato qualcosa, oggi non si parla di qualità, ma sì di quantità e questo porta un po’ di frustrazione ai più scalmanati. Quei tempi tutti lavoravano, il paese offriva più possibilità lavorative ed “i nostri figli” non erano in giro senza fare niente”.

Sandy: “Nays cambiando un po’ il discorso, un tuo pregio e un tuo difetto?”

Nays: “Un mio pregio è Adattare e un mio difetto è Accontentare”.

Sandy: “Quindi da quello che posso dedurre, allora ti sei “adatto” ed “accontentato” di vivere a Genova? Se sì, trovi che sia giusto così?”

Nays: “Non ho mai rischiato o pensato qualche volta di cambiare aria, ma c’è stato un momento…niente di concreto”.

Sandy: “Una frase o una citazione capoverdiana che ti è rimasto nel cuore?”

Nays: “Quem tem fé, tem esperança”. (Chi ha fede, ha speranza).

Sandy: “Un proverbio capoverdiano?”

Nays: “Quem não escuta conselhos, depois tem coceira”. (Chi non ascolta i consigli, dopo avrà prurito).

Sandy: “Se non fossi venuto in Italia, cosa pensi che avresti fatto a Capo Verde?”

Nays: “E’ una bella domanda. Penso che avrei seguito i miei sogni quello di fare il musicista a 360 gradi oppure l’insegnante o il comico”.

Sandy: “Il tuo lavoro primario è quello del portinaio ma hai un secondo lavoro che è quello del musicista. Ogni giorno continui ad animare le nostre serate ed a divulgare la musica capoverdiana nel mondo. Pensi che sia valsa la pena venire in Italia?”

Nays: “Sì! Non mi piace lamentare, ho la salute e un lavoro. La mia pace interiore, mi rende felice”.

Sandy: “Un tuo piatto preferito capoverdiano? E un piatto italiano?”

Nays: “Assolutamente Catchupa. Melanzane alla parmigiana”.

Sandy: “Genere musicale capoverdiano ed italiano preferiti?”

Nays: “Mi piace un po’ tutto, non ho canzoni preferite ad esempio. Ascolto qualsiasi genere musicale”.

Sandy: “Cosa ti piace di Genova? Un pregio e un difetto della tua città?”

Nays: “Mi piace il clima temperato e la sua bellezza. Un pregio? Mare e monte in poco tempo. Invece un difetto, poco strategica”.

Sandy: “Nays, cosa pensi del razzismo?”

Nays: “Non penso al razzismo, ignoro”.

Sandy: “Tu come cittadino di questa città cosa puoi offrirla?”

Nays: “Posso offrire la mia collaborazione come cittadino per bene”.

Sandy: “Cosa intendi per: Cittadino per Bene?”

Nays: “Che rispetta le regole, le leggi, i costumi del paese che mi ospita”.

Sandy: “Come ti vedi fra dieci anni? E dove ti vedi fra dieci anni?”

Nays: “Mi vedo un po’ invecchiato. Mi vedo qua se Dio vorrà”.

Sandy: “Grazie Nays per il tuo tempo e per le tue parole”.

Nays: “Grazie a te!”

Intervista a Tony

Con la mia carissima amica Ilaria, nel corso degli anni in cui eravamo membri e curatrici del blog dell’Associazione Italo-Capoverdiana abbiamo intervistato dei ragazzi “capoverdiani” nati e cresciuti a Genova. L’idea era di dare spazio alle loro idee e di raccontare le loro esperienza.

Ailton Silva più conosciuto come Tony, è nato nell’isola di Sao Vicente a Capo Verde il 17 giugno 1977. È un ragazzo semplice, di buona compagnia e ha una grande passione per il calcio. È sposato ed ha tre figli.

È arrivato in Italia, Genova, il 16 maggio 2004. È molto attivo nella comunità capoverdiana genovese, tanto nell’organizzazione di feste (fa il dj) e della squadra di calcio maschile e femminile (allenatore).

Sandy: “Ciao Tony! Innanzitutto, grazie per la tua disponibilità. Raccontaci il tuo arrivo in Italia”.

Tony: “E’ stata dura lasciare la mia famiglia (mio padre, mia madre e mia sorella); in aereo ero con degli amici, non riuscivo a divertirmi o stare con loro e per quasi tutto il viaggio non ho fatto altro che piangere. Il mio cuore era rimasto a Capo Verde”.

Sandy: “Perché sei venuto in Italia?”

Tony: “Mi sono sposato a Capo Verde e sono venuto a Genova per raggiungere mia moglie che già viveva qui. Dunque, sono arrivato a Malpensa, non ho trovato grandi cambiamenti e mi sono subito innamorato di Genova”.

Sandy: “Quindi ti piace Genova?”

Tony: “Si, assomiglia un po’ alla mia isola Sao Vicente, c’è il mare e il vento. Le persone sono tranquille”.

Sandy: “Gli studi?”

Tony: “Non ho finito gli studi a Capo Verde, sono arrivato fino al terzo anno di liceo. Però ho frequentato un corso medio di elettricista (fatto a Sao Vicente) e un altro corso di alberghiere (sempre fatto a Sao Vicente)”.

Sandy: “Il lavoro?”

Tony: “Ho lavorato a Capo Verde e avevo un buon lavoro, insomma guadagnavo abbastanza per fare una vita tranquilla”.

Sandy: “Dove lavoravi?”

Tony: “Lavoravo in un’azienda di detersivi “Quimicas Sinctilas” e facevo qualche straordinario come elettricista”.

Sandy: “La tua vita a Genova?”

Tony: “E’ ottima, non ho mai avuto problemi di integrazione forse per una questione di carattere. Non chiedo molto, cerco di vivere la mia vita con semplicità e sincerità. Il carattere di un capoverdiano assomiglia molto anche quello genovese”.

Sandy: “Arrivando qui hai avuto difficoltà a trovare lavoro?”

Tony: “Non tanta, lavoravo alla Fincantieri (costruzione di navi da crociera) di Sestri Ponente. Era un buon lavoro, però con la crisi tanti di noi hanno perso il lavoro. Prima il rapporto tra noi colleghi era ottimo, poi con la crisi è iniziata la tensione. Dopo un anno di lavoro mi aspettavo di crescere professionalmente e pensavo che Capo Verde fosse più indietro rispetto all’Italia. Invece mi sbagliavo”.

Sandy: “Cosa pensi dell’immigrazione in Italia?”

Tony: “E’ una cosa soggettiva, io ho avuto fortuna, ma in generale è pessima. Devono imparare tanto per quanto riguarda l’accoglienza, le leggi costituzionali non vengono applicate. Ad esempio, ci sono tante complicazioni per il permesso di soggiorno, tanti soldi da spendere e tanto tempo da aspettare, negli altri Paesi europei non funziona così”.

Sandy: “Perché non torni a vivere a Capo Verde?”

Tony: “Perché non posso, ho tre figli qui. Altrimenti sarei già tornato.” Poi manca l’unione tra noi capoverdiani”.

Sandy: “A proposito, cosa pensi della comunità capoverdiana a Genova?”

Tony: “La comunità capoverdiana a Genova è stata per me una grande delusione perché i capoverdiani a Capo Verde sono diversi. Qui sono degli animali, manca il calore umano che c’è giù, è un ambiente scettico, nessuno aiuta nessuno e hanno sempre voglia di parlare male del prossimo. Se cerchi creare iniziative, c’è poca aderenza; eppure persone con creatività e talento non mancano. Riescono sempre a creare discordia, litigi e dopo un po’ di tempo si perde anche la voglia”.

Sandy: “Sogni nel cassetto?”

Tony: “Vorrei avere una casa a Capo Verde, vivere bene con salute e in pace con i miei figli. Se i miei figli rimangono qui spero che trovino le porte aperte e raggiungano i loro sogni e obiettivi”.

Sandy: “ Grazie dell’intervista, a presto!”