La via del cuore

La via del cuore

Questa dualità affoga la mia anima nell’abisso più profondo delle tenebre.

Questa mia dualità distrugge il mio essere.

Quanti scontri ancora dovrei vivere per vedere l’alba dei desideri?

E qual è il segreto della pace che mi fu negata?

Quando chiudo gli occhi l’oscurità mi avvolge nel suo silenzio;

Quando apro gli occhi la luce accarezza le mie lacrime.

Lontano da qualche parte piove, il mio corpo si contorce nel dolore.

Le mie costole si sgretolano una ad una per dare vita ai miei pensieri.

Nel mio ventre cresce l’incertezza di un domani;

Nel mio cuore dimora la dualità dello spirito pentito.

E quante volte ancora la morte mi saluterà da lontano

mentre la vita continua a sorridermi per ciò che è… il calore di un abbraccio mancato.

Il desiderio di morire prima di morire è una speranza prigioniera della luna.

Il fuoco che arde è la promessa del sole.

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Poesia: Sodad.

SODAD

Image by Marta Cuesta from Pixabay

 Aspetto sempre le buone nuove

Aspetto sempre seduta in questo molo,

 il vento che mi porta speranze nuove.

Sono prigioniera delle stagioni.

La mia anima è vagabonda della notte

La libertà è la speranza

 E la pioggia non è in abbondanza

da queste parti.

Sodad di un tempo lontano

Sodad di un cretcheu

Sodad di una promessa.

Oh, nha pove il mio cuore piange

di un dolore soffocato

Che peccati ha quella terra?

È stato dimenticato negli abissi

di quell’oceano “malcriado”?

Sono prigioniera degli abissi

Sodad di un luogo perduto

Sodad di un cretcheu

sodad di una promessa

Sodad d nha terra.

Qamar

*Sodad: è una parola nel dialetto creolo e arriva dal portoghese Saudade (Nostalgia)

*Cretcheu: è una parola in creolo che vuol dire “qualcuno/a che vuoi tanto bene”, “il tuo amore” oppure “qualcuno/a che desideri tanto”.

* Nha: pronome possessivo “Mia”

*Pove: Popolo

* Malcriado: questa parola si usa spesso a Capo Verde per indicare una persona poco ben educata, ma ha anche un altro significato, malvagio/feroce.

Esisto e non Esisto

Image by Gordon Johnson from Pixabay

Ciò che non posso raggiungere ora

Lo raggiungerò con l’ immaginazione.

Ciò che non posso toccare

Lo toccherò con il mio cuore.

Da qui creo il movimento con i miei pensieri vaganti.

Ciò che non posso vedere con i miei occhi

Lo vedrò con gli occhi degli altri.

Ciò che non esiste per me, esiste nella notte

Ciò che esiste per me, non esiste nel giorno.

So di esistere in una realtà che scorre nella natura.

Il pensiero

Image by Gordon Johnson from Pixabay

Dolce amore tormentato

Corpo isolato dal mio

Pensiero sfuggente

Cuore indolente.

Fuoco del mio credere e non credere

Voler mio e non voler mio

A te chiedo perdono

A te dedico un istante

Pura illusione e visione

A te bacio le mani

Per te impugno la spada dell’amore.

Sopra ogni lacrima tua,

Vivo nella tua dimora

Che un giorno fu casa tua .

Ti porgo la mia gioia

Su un trofeo che non fu mai vinto.



Qamar